Durante i primi incontri di una consulenza psicologica è possibile avvalersi dell’ausilio di alcuni test psicologici che possano andare ad identificare eventuali problematiche che non sono emerse durante il colloquio clinico. Questi test sono selezionati perché maggiormente accreditati in ambito scientifico ed internazionale.

L’integrazione di questi test consente di delineare un quadro psicologico ricco e completo permettendo di conoscere gli aspetti funzionali e disfunzionali della persona, così come le risorse disponibili e le potenzialità attivabili e fornendo quindi preziosi indicatori al fine di individuare il trattamento clinico maggiormente adeguato. I test si differenziano in test per adulti, test per l’infanzia e test per l’adolescennza.

Le batterie di test maggiormente utilizzate sono:

  • Test di personalità (MMPI; Rorschach);
  • Test di Intelligenza (WAIS; WISC);
  • Test di deterioramento mentale (MMSE; ADL, IADL);
  • Test specifici per alcuni disturbi come depressione, ansia o disturbi alimentari (BDI; STAI; EDI3);
  • Batterie a vasto spettro cognitivo comportamentali (CBA);
  • Test carta e matita (Test della figura umana, Test dell’Albero, Test della famiglia; Test Bender VMGT);

 

Oltre che nell’ambito clinico, la valutazione psicodiagnostica può essere utilizzata anche nelle perizie psicologiche in ambito forense per fornire una valutazione completa rispetto alle condizioni psichiche dell’interessato, in linea con le richieste del Diritto e con le finalità dei procedimenti giudiziari in essere.